ALCUNE TRADIZIONI, POPOLARI E NON, DA POTER PROPORRE...

Cosa c’è di più bello, nuovo e interessante per un viaggiatore che giunge da lontano di poter partecipare ad una tradizione familiare o comunitaria?

Ovunque nel mondo, sia nelle grandi città che nei piccoli villaggi e paesi, si svolgono, più e più volte durante l’anno, delle tradizioni familiari, religiose o folcloristiche alle quali tu partecipi con gioia perché fanno parte della tua cultura e segnano la tua appartenenza alla comunità locale. Ma per molti queste tradizioni sono sconosciute o inaccessibili, se non invitati da un locale a parteciparvi.

Le tradizioni locali sono moltissime e alquanto diverse tra loro. Ne elenco solo alcune, a scopo meramente esemplificativo, come sempre la realtà supera la mia fantasia:

- Il pranzo della Domenica con nonni, zii e nipoti, in Sicilia.

- L’Holi, la festa per l’arrivo della primavera, in India.

- La cerimonia del’Mehndi, la decorazione del corpo con l’henne in Pakistan.



- La Pasquetta, il pranzo sull’erba il lunedì di Pasqua, in Italia.

- Il Ferragosto, con falò più bagno di mezzanotte il 15 di Agosto, in Puglia.

- I pranzi in strada, con lunghissime tavolate, in molte regioni d’Italia.



- Il barbecue in giardino, con amici, birra e partita di basket, negli USA.

- I diversi rituali e festeggiamenti prime delle nozze, ovunque nel mondo.

- La frittura delle grispelle o dei cullurielli per le strade, a seguito di un evento positivo, in Calabria.

- La vendemmia notturna, in Sicilia.

- La tradizione del camping, con fuoco, marshmallows e vecchie canzoni folk, in Canada e USA.



- I diversi festeggiamenti per il passaggio all’età adulta, nel mondo:
    ● La festa del Bar o del Bat Mitzvah, in Israele.
   ● Il Land Divers, a Vanuatu.
   ● La festa della Quinceanera, in Sud America.
   Ji Li & Guan Li, in Cina.



- La serata del Thanksgiving, in America.

- Il Midsommer maypole, la festa per il solstizio d’estate, in Svezia.



- Il cenone della Vigilia di Natale più la Messa di mezzanotte, in Europa.

- Il Dia de los Muertos, in Messico.



- Il rito del Matrimonio, così diverso nel mondo, per religione, cultura e svolgimento.

- Preparazione in casa dei salumi, conserve di pomodoro e sott’olii, nel Sud d’Italia.



- Le speciali cene nei giorni del Ramadan, nel mondo arabo.

- Le ricorrenze religiose, ovunque nel mondo.

- L’Hanami, l'osservazione della fioritura dei ciliegi -  Sakura - ad Osaka, in Giappone, gustando i tradizionali bento.



E molte e molte altre ricorrenze, alcune ormai in disuso o dimenticate ma che fanno parte delle radici culturali di un luogo.

Ovunque sia la tua dimora, grande città o piccolo villaggio, condividile non solo con la tua famiglia e amici ma anche con chi è straniero e non vi può prendere parte se non invitato, di certo te ne sarà grato.

Inoltre, molte persone possono giungere nel tuo paese o città, per lavoro o affari, proprio in un giorno di un festeggiamento locale, ad esempio il giorno di Pasqua, Ferragosto o Thanksgiving, non trovando alcun ristorante aperto o attività da poter svolgere e avvertendo ancor di più la solitudine. Invitalo ad unirsi a te ai tuoi amici.

Chiedi quali siano le tradizioni del posto dove risiedi alle persone anziane, ai tuoi nonni, a chi vive lì da molto tempo e se ve ne fossero alcune quasi scomparse riportale in auge proprio tu, riorganizzandole per Em. Pi. Ju. – My Personal Universe.

Per tutti coloro che avranno la possibilità di vivere queste tradizioni per la prima volta saranno davvero esperienze senza prezzo.
Invece per te rappresenteranno un’occasione per fare nuove conoscenze e amicizie, per divertirti molto e guadagnare, perché no, anche dei soldi.

























No comments:

Post a Comment